contro- intestazione

Ti piace qualche foto di questo blog? Non rubarla, chiedimela! E se proprio non ce la fai ... vedi di non usarla per lucro! - contact email: vbpress68@gmail.com

Valsavarenche in dicembre

La Valsavarenche è forse, sul versante aostano, la valle più selvaggia del Gran Paradiso. Ne avevo letto fin da ragazzino, ma non c'era mai stata occasione di visitarla.

Leviona, Agosto e Dicembre. Valsavarenche (AO)
Nikon D700 Ob. Nikon AF-S 17-35/2.8

Fino alla scorsa estate. Beh, dire che ci è piaciuta è poco. Quindi perché privarsi il gusto della visita durante la stagione fredda? Abbiamo fatto base all'unico albergo aperto in questa stagione: l'Hostellerie du Paradis in località Eau-Rousse (1666 m), quasi in fondo alla valle. Posto incantevole, camere ampie e spaziose e soprattutto, cucina di grande qualità. Dall'albergo, parte un bel sentiero che conduce ad Orvieille al Casotto di caccia del Re (ricostruito) ad una quota di circa 2000 metri. I quasi 400 metri di dislivello dall'albergo si percorrono su un bel sentiero attraverso il bosco. Abbiamo incontrato poca neve quindi la salita è stata veloce e poco impegnativa.

Il versante opposto della valle, Orvieille Valsavarenche (AO) - Dicembre.
Nikon D3 ob. Nikon AF-S 70-200/2.8 G VRII, hands hold.
Il Casotto di caccia, Orvieille Valsavarenche (AO) -  Dicembre.
Nikon D700 Ob. Nikon AF-S 17-35/2.8 ED hands hold.
Apparizione fugace di un bel Gipeto, Orvieille Valsavarenche (AO) - Dicembre
Nikon D3 ob. Nikon AF-S 70-200/2.8 G VRII, hands hold
Sul sentiero del rientro, Orvieille Valsavarenche (AO) -  Dicembre.
Nikon D700 ob. Nikon AF-s !7-35/2.8 ED, hands hold.
Camoscio lungo il sentiero,  Valsavarenche (AO) - Dicembre.
Nikon D300, ob. Nikon ED 300/2.8 AF-I, tripod Gitzo GT3541LS head Arca B1. EXP: ISO 1000 1/20 f/2.8

Ringalluzziti dalla prestazione abbiamo deciso, per il giorno seguente, di affrontare la salita del Leviona. Siamo già stati nel vallone del Leviona l'agosto scorso. Ora, in dicembre, la prospettiva è differente. Il versante, nell'ombra per buona parte della giornata, ci ha provato con lastre di ghiaccio lungo il sentiero. Ahinoi, i ramponi son rimasti nel garage.

A piedi nudi nel Parco, salita al Leviona, Valsavarenche (AO) -  Dicembre.
Nikon D700 Ob. Nikon AF-S 17-35/2.8
Cartello sullo stato di salute dello stambecco e il bosco sempreverde all'ingresso del vallone del Leviona,Valsavarenche (AO) - Dicembre.
Nikon D700 Ob. Nikon AF-S 17-35/2.8
Vallone del Leviona, Valsavarenche (AO) - Dicembre
Nikon D700 Ob. Nikon AF-S 17-35/2.8
Coste rocciose e camoscio lontanissimo. Vallone del Leviona, Valsavarenche (AO) - Dicembre.
Nikon D300, ob. Nikon 70-200/2.8 VRII
Il pomeriggio è breve in inverno nel vallone del Leviona, Valsavarenche (AO) - Dicembre.
Nikon D700 ob. Nikon AF-s 17-35/2.8 ED.
Il castello di pietra del Rocciaviva e le minime impronte dell'ermellino nella neve gelata. Leviona Valsavarenche (AO) - Dicembre.
Nikon D300 ob. Nikon AF-s 70-200/2,8 VR II , Nikon D700 ob. Nikon AF-s 17-35/2,8 ED, hands hold.
La Nikon D700 nella neve, tanto è protetta. Valsavarenche (AO) - Dicembre. 
La luce si spegne nel gelo dei duemila metri del vallone del Leviona. Leviona Valsavarenche (AO) - Dicembre.
Nikon D300 ob. Nikon AF-s 70-200/2,8 VR II , Nikon D700 ob. Nikon AF-s 17-35/2,8 ED, hands hold.

Se la salita è stata faticosa, il rientro giù per il bosco , nel buio della sera è stato un delirio. Fortunatamente qualcuno, non io, si è ricordato di mettere le torce frontali nello zaino. Altrimenti avremmo dovuto attendere il sorgere della luna per indovinare la traccia di sentiero.

Eau-Rousse, Valsavarenche (AO) - Dicembre.
Nikon D700 Ob. Nikon AF-S 17-35/2.8, tripod Gitzo GT3541LS head Arca B1.
EXP: ISO 400 60sec f/8